Deforestazione in Amazzonia: disastro ambientale globale

  • Deforestazione e mutamento climatico

    AMAZZONIA

A cura di Gisella Importuna

L'Amazzonia è una vasta regione geografica del sud-America caratterizzata da una foresta pluviale, detta foresta amazzonica. Si estende su una superficie di sei milioni di chilometri quadrati suddivisi in nove paesi; la maggioranza della foresta (circa il 60%) si trova in Brasile; un altro 13% si trova in Perù, il 10% in Colombia.

Fino al 1960, la foresta era pressoché intatta in quanto la costruzione di strade era proibita. Nel 1970 si avviò il progetto della Trans-Amazonian Highway, un’autostrada di 5.000 km che penetra nel cuore della foresta facendo da veicolo alla deforestazione.

Da allora, la deforestazione, che consiste nella riconversione di ampie aree naturali di foresta primaria in terreni adatti alla coltivazione soprattutto di soia trasformato, poi, con la macellazione, in carne esportata soprattutto in Europa, Stati Uniti e Cina è proceduta velocemente, tanto che negli ultimi dieci anni si sono persi 300.000 Kmq di foresta. Nel 2020 gli incendi illegali, utilizzati per distruggere rapidamente ampi spazi di foresta da convertire in campi per la soia e per l’allevamento di animali, nell'Amazzonia brasiliana, hanno superato di oltre il 52% la media decennale, e di quasi un quarto quelli degli ultimi tre anni.

Nel mese di luglio del 2020 l'Istituto brasiliano di ricerca spaziale ha registrato nella sola Amazzonia brasiliana un aumento del 28% del numero di incendi rispetto allo stesso periodo del 2019, numeri che, secondo il nuovo report "Fuochi, foreste e futuro: Una crisi fuori controllo?" di Wwf e Boston Consulting Group, proiettano l'Amazzonia verso il punto di non ritorno che sarà raggiunto in 10-15 anni determinando una drastica riduzione delle piogge e dell’umidità, elementi cruciali per fare vivere e mantenere la foresta stessa.

Se ciò dovesse avverarsi un microclima più arido e asciutto innescherebbe inevitabilmente la graduale scomparsa della foresta tropicale, lasciando spazio ad aride savane, l’ecosistema collasserebbe in maniera irreversibile determinando, localmente, la scomparsa della biodiversità animale e vegetale, e globalmente un effetto drammatico sul clima mondiale con l’innesco di mutamenti ambientali catastrofici.

In Europa assisteremmo nell’area centro-meridionale ad ondate di calore, incendi forestali e siccità sempre più frequenti con la trasformazione del Mediterraneo in una regione arida e vulnerabile; l’Europa settentrionale si trasformerebbe in una regione molto più umida con frequenti alluvioni invernali, mentre le zone urbane sarebbero aggredite da ondate di calore ed alluvioni frequenti.

Tutte le città delle zone costiere, per l’innalzamento del livello del mare dovuto allo scioglimento dei ghiacciai, si vedrebbero costrette ad arretrare verso l’interno con perdita di parti importanti del patrimonio edilizio. Ma quali sono i meccanismi che vedono nella scomparsa della foresta amazzonica la causa del cambiamento climatico globale? Molti pensano che gli incendi causino perdita di ossigeno, ma di questo, solo il 20-30 % viene prodotto dalla vegetazione terrestre, mentre il restante 70 - 80% viene prodotto dalle alghe e dal fitoplancton degli oceani.

L’importanza della Foresta Pluviale è data invece dalla sua funzione di contenitore di CO2, di scrigno della biodiversità animale e vegetale mondiale, e di regolatore del clima dell’intero emisfero. Dunque l’Amazzonia è importante per l’ambiente perché conserva il carbonio che, una volta rilasciato nell’atmosfera attraverso l’atto di bruciare, produce pericolose emissioni di anidride carbonica che riscaldano l’atmosfera e contribuiscono al cambiamento climatico.

L’Amazzonia immagazzina il 25% del carbonio del mondo.

Combattere il disboscamento significa dunque garantire piogge, raffreddare la Terra, assorbire gas serra, immagazzinare carbonio, custodire il 10% della biodiversità mondiale, contrastare la desertificazione, produrre acqua, cibo e medicine.

SITOGRAFIA

Leave a comment

error: Content is protected !!